tipi-di-coltelli-da-formaggio

Quando prepari il tuo tagliere di leccornie, non devi trascurare i tipi di coltelli da formaggio da disporre intorno alle diverse specialità destinate alla degustazione.

Perché?

I motivi sono due. Il primo è che è preferibile non mischiare i sapori con lo stesso coltello, altrimenti rischi che il delicato caprino sappia un po’… di taleggio. Il secondo è che ogni tipo di formaggio ha un coltello corrispondente.

A ogni formaggio il suo coltello

La forma e la lama in acciaio inox dei vari tipi di coltelli vengono adattate in base al tipo di pasta (morbida, dura, spalmabile…) in modo da facilitare il taglio del formaggio e soprattutto non danneggiarlo.

È quindi importante scegliere bene questi coltelli formaggio professionali.

Qui di seguito ti presentiamo tipi di coltelli da formaggio:

1. Coltello a lama traforata

Coltello-formaggio-a-lama-traforata

Il coltello a lama traforata e talvolta finemente dentata è perfetto per forme di formaggio a pasta molle a crosta fiorita come il brie e il camembert o a crosta lavata come il taleggio, la fontina, il quartirolo.

La sua lama sottile e forata gli conferisce un aspetto elegante e leggero. I fori riducono le aree di contatto con il metallo in modo che la pasta non si attacchi.


2. Coltello per spalmare

Noto anche come coltello da burro, ha la lama liscia e bombata: due dettagli che lo rendono ideale per spalmare i formaggi cremosi come il Bel Paese. Le sue piccole dimensioni lo rendono molto maneggevole.


3. Coltello per il gorgonzola

Strutturalmente simile a un coltello per spalmare, si caratterizza per la sua lama arrotondata molto affilata. In questo modo ti consente di tagliare le croste di formaggio.

È il classico coltello da formaggio morbido e semi-morbido, oltre che ad essere indicato per i formaggi a pasta friabile.


4. Coltello a doppia punta

Coltello-formaggio-a-doppia-punta

È un coltello per formaggio versatile, adatto a numerosi formaggi a pasta molle e semi-dura.

La sua lama abbastanza sottile e leggermente ricurva termina con una doppia punta. In questo modo la pasta del coltello non corre il rischio di attaccarsi. I due dentini rendono più facile servire il formaggio ai vari ospiti.


5. Coltello a lama lunga e sottile

Grazie alla sua forma e alla sua lama sottile e lunga, questo coltello è perfetto per fare un bel taglio nei tuoi formaggi a pasta molle come brie, camembert e gorgonzola.

La finezza della sua lama limita la superficie di contatto con il formaggio, evitando che la pasta si attacchi: potrai così servire delle fette perfette, senza il rischio di rovinarle.


6. Coltello piatto

Con la sua lama larga e piatta, è lo strumento ideale per affettare i formaggi stagionati, semi-morbidi o semi-duri, come l’asiago, il provolone e il gruviera.

Per ottenere i migliori risultati di taglio, si tiene il coltello da formaggio stagionato con la lama in verticale e si preme verso il basso. Grazie al bordo affilato puoi tagliare i formaggi a pezzetti.


7. Coltello piatto stretto

La sua caratteristica forma trapezoidale lo rende ideale per ottenere le scaglie dai formaggi duri e da quelli a pasta semi-dura, come il cheddar e il gouda. I bordi ben affilati lo rendono perfetto anche per svolgere i compiti più impegnativi.


8. Mini mannaia

Mini-mannaia-coltelli-formaggio

La sua conformazione strutturale prevede una lama ampia e rettangolare, proprio come se fosse una mannaia in miniatura. Spingendo verso il basso, puoi così tagliare agevolmente il formaggio a pasta dura, dalla fontina al groviera.

Il manico ergonomico è messo in una posizione tale che non corri il rischio di colpire il tagliere con le nocche delle dita posizionamento della maniglia impedisce alle nocche di colpire la tavola.


9. Coltello a scalpello

È quel grazioso coltellino con la lama corta e arrotondata, la cui forma ricorda quella di una mandorla. Il manico ha una struttura bombata e, anche se è di piccole dimensioni, è comodo da tenere in mano. Con questo strumento puoi tagliare con facilità scaglie di parmigiano e di grana.


10. Coltello con lama seghettata o liscia

Il classico coltello formaggio a lama seghettata o liscia è uno strumento universale che tutti hanno in cucina. Non è il coltello da formaggio in senso stretto, ma se la cava egregiamente nell’affettare i formaggi semiduri tipo raclette.

Altri utensili per il formaggio

Ci sono altri strumenti che non sono propriamente coltelli ma che si rivelano ugualmente utili per svolgere compiti specifici di affettatura.

11. Filo per formaggio

Con un filo per formaggio, puoi tagliare i formaggi a pasta molle più delicati senza il rischio di schiacciarli. In questo modo puoi ottenere fette compatte e perfette di mozzarella, robiola o ricotta. Il filo metallico è generalmente fissato a un archetto che funge da impugnatura.


12. Affettatrice per formaggio

La sua lama in acciaio inossidabile richiama nella forma quella di una spatola, a cui aggiunge un’apertura orizzontale molto affilata. Abbassando l’utensile su un formaggio a pasta semi-dura tipo fontina puoi ottenere delle fette sottili e regolari.

Dopo il taglio, la fetta si deposita sulla sezione superiore della lama, rendendo molto semplice impiattare e servire il formaggio.


13. Utensile per incidere la crosta di formaggio

La sua punta acuminata rivolta verso il basso è infallibile per incidere delle croste del parmigiano, del grana e degli altri formaggi a pasta dura. Così facendo puoi gestire senza particolari difficoltà anche una forma di dimensioni generose.


14. Grattugia per formaggio

Non c’è niente di meglio di una pioggia di grana appena grattugiato sui tuoi spaghetti! La sua superficie ha infatti tante piccole protuberanze affilate che ti consentono di frantumare finemente i vari formaggi a a pasta dura, incluso il pecorino.

La grattugia può essere utilizzata anche per ridurre in scagliette la buccia degli agrumi o per fare una purea di mele.

Puoi trovare dei modelli a forma di parallelepipedo che hanno cunei di grandezza differente su ciascun lato: in questo modo puoi grattugiare verdure di vario tipo, incluse le carote a julienne.


15. Forchetta per formaggio

Con questo utensile a due punte puoi servire il formaggio proprio come al ristorante. Una forchetta per formaggio ti permette infatti di raccogliere le varie fette posizionate sul tagliere e di servirle in modo professionale sui piatti.

Ma non è il suo unico utilizzo. Grazie alla sua struttura particolarmente robusta è in grado di frantumare il formaggio a pasta semi-dura e dura per ottenere delle scaglie.

Come tagliare il formaggio

Con lo strumento giusto fra le mani, puoi procedere ora a tagliare i vari tipi di formaggi a regola d’arte in base ai tipi di lama coltello.

  • A spicchi:

È la forma ideale da dare ai formaggi a pasta molle. La forma viene tagliata a strisce partendo dal bordo.

In caso di formaggio erborinato, si consiglia di tagliare la forma in fette triangolari, partendo dal centro.

  • A fette:

In caso di formaggi a pasta dura o semi-dura, effettua un taglio a fette partendo dal bordo fino ad arrivare a metà della forma. Procedi quindi partendo dall’altra parte della forma.

  • A blocchi:

Taglia a metà la forma e quindi procedi nel senso della larghezza, allo scopo di creare dei blocchi regolari. A questo punto puoi tagliare i blocchi in foggia triangolare.

Conclusioni

Dal momento che, come si dice, anche l’occhio vuole la sua parte, se vuoi creare un tagliere di formaggi appetitoso e che inviti alla degustazione non puoi fare a meno di abbinare i coltelli giusti.

Ogni coltello viene scelto in base al tipo di pasta, alla consistenza e alla stagionatura dei formaggi che si desidera offrire ai propri ospiti. Il taglio corretto di ciascuna specialità ti consentirà di mantenere perfettamente intatte le fette, facendo un figurone!

POSTA UN COMMENTO